carassio dorato

Carassio dorato in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esca.

Il carassio dorato  è un pesce d’acqua dolce, appartenente alla famiglia dei Cyprinidae e noto anche col nome di pesce rosso.

Descrizione in sintesi del carassio dorato.

carassio doratoIl carassio ha una struttura anatomica ben proporzionata con corpo piuttosto affusolato ma robusto. Tutte le pinne sono proporzionate ma con la caudale leggermente bilobata. La bocca, piuttosto piccola, ma priva di barbigli, a differenza della carpa, specie a cui assomiglia nella forma generale del corpo. La colorazione degli avannotti e degli esemplari molto giovani, è sempre bruno-olivastra salvo nei rari casi di albinismo. Ma cambia colore con la mutazione che avviene dal terzo all’ottavo mese di vita con una livrea rosso-arancio. La mutazione avviene se la temperatura ambientale supera i 20 gradi mentre se la temperatura resta inferiore a 18 gradi il carassio rimane di un colore  bruno-olivastra. infine il carassio rosso può raggiungere e superare la lunghezza di 20 cm se allevato in un laghetto.

Brevemente l’habitat del carassio dorato.

Questa specie sembra originaria dell’Asia orientale ma è stata da così tanto tempo introdotta in altre aree che è estremamente difficile ricostruire il suo areale originario. Il carassio in natura vive in fiumi, laghi e specchi d’acqua calma, fino ad una profondità massima di 20 metri. Infine il carassio insieme alle carpe vengono allevati in laghetti o stagni come trappole naturali per le zanzare.

L’alimentazione in breve del carassio dorato.

Il pesce rosso nel suo ambiente naturale si nutre di crostacei e insetti, mentre in cattività il pesce rosso è nutrito da appositi mangimi in granuli. Si consiglia di nutrire il pesce rosso due o tre volte al giorno con piccole quantità per volta.

I metodi di pesca e come pescare il carassio dorato.

Il pesce rosso non desta di interesse ne delle pesca sportiva ne della pesca professionale ma capita di catturare qualche esemplare di pesce rosso alle lenze lanciate per altri pesci.

Brevemente l’esca migliore per il carassio dorato.

Sicuramente abboccano alle esche come lombrichi e bigattini; ma come già detto non destano interesse della pesca sportiva e professionale.

Dove pescare in sintesi il carassio dorato.

Come già detto non destano interesse della pesca sportiva e professionale; ma li possiamo catturare involontariamente in fiumi, laghi e specchi d’acqua calma.

Brevemente periodo e mesi migliori per la pesca del carassio dorato.

Sicuramente abboccano alle esche tutto l anno ma visto il poco interesse commerciale e sportivo non si è determinato un periodo migliore.

 

Precedente carpa di Prussia Successivo pesce rosso