Carpa bastarda

Carpa bastarda in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esca.

la carpa bastarda è il nome dato al carassio in molte regioni italiane. Il carassio è un pesce d’acqua dolce appartenente alla famiglia Cyprinidae.

Descrizione in sintesi della carpa bastarda.

Molto simile al pesce rosso ma con livrea giallo chiara, l’esemplare giovanile presenta un corpo Carpa bastardaallungato, con profilo dorsale poco convesso. Mentre l’adulto ha un corpo tozzo, compresso ai fianchi. Inoltre la mancanza assoluta dei barbigli lo distingue dalla carpa. Come già detto la livrea è variabile, solitamente di giallo-oro più o meno carico, con riflessi metallici sul dorso mentre le pinne sono sfumate di rosso.
Inoltre negli stagni, in condizioni sfavorevoli di alimentazione cresce con grande lentezza e dà origini a forme nane. Mentre in condizioni ambientali favorevoli si sviluppa maggiormente e assume corpo più armonioso.

Brevemente l’habitat della carpa bastarda.

Questa specie è originaria dell’Europa centrale ma anche di varie regioni asiatiche. In Italia è stata introdotta per le gare di pesca e negli ultimi anni conseguentemente è stato segnalato un notevole aumento nei corsi d’acqua di tutto il paese.  lo si può trovare infatti in zone dove nessun altro pesce riuscirebbe a vivere, essendo limitato il suo fabbisogno di ossigeno. Infine vive nei laghi con sponde paludose o nei bracci morti dei fiumi, nelle paludi e nei fossati.

L’alimentazione in breve della carpa bastarda.

Il carassio è onnivoro si nutre principalmente di zooplancton, insetti e detriti vegetali.

I metodi di pesca e come pescare la carpa bastarda.

I carassi non sono pesci molto apprezzati a tavola ma abboccando con estrema voracità e lo rende molto apprezzato dai garisti mentre lo è molto meno da chi pesca per scopo alimentare. Quindi quando sono presenti i carassi è molto difficile se non impossibile la cattura di altri pesci come carpe, tinche e pesci gatto.

Brevemente l’esca migliore per la carpa bastarda.

Il carassio essendo onnivoro e molto vorace si può pescare con qualunque esca ma sicuramente bigattini lombrichi e paste sono le esche migliori.

Dove pescare in sintesi la carpa bastarda.

Divide il suo habitat con molti altri pesci ma lo si può trovare in zone dove nessun altro pesce riuscirebbe a vivere, essendo limitato il suo fabbisogno di ossigeno. Infine vive nei laghi con sponde paludose o nei bracci morti dei fiumi, nelle paludi e nei fossati.

Brevemente periodo e mesi migliori per la pesca della carpa bastarda.

Il carassio vive principalmente in branchi che durante il periodo invernale è quasi del tutto fermo sul fondo mentre in estate è leggermente più attivo e questo ne favorisce la cattura.

Precedente carpa cruciana Successivo carassio