Carpa cuoio

carpa cuoio in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esca.

Certamente la carpa cuoio, è un pesce d’acqua dolce appartenente alla famiglia dei Cyprinidae.

Descrizione del carpa cuoio in breve.

carpa cuoioIn sintesi Il colore del corpo è verde ottone sulla parte superiore e bronzo o oro sui lati il ventre è bianco giallastro. Inoltre le pinne sono tipicamente di colore giallo, arancio, oro o olivia. Infine questo pesce ottiene il nome “carpa cuoio” data la netta mancanza di squame quindi la sua pelle assomiglia al cuoio. La piccola bocca è sporgente e non contiene i denti, è collocata appena sotto il muso. Infine ci sono due coppie di barbigli sulla mascella superiore.

Brevemente l’habitat della carpa cuoio.

Come è noto le carpe cuoio sono dei pesci estremamente adattabili. Possono tollerare una vasta gamma di temperature fino a 35 C°. Questa adattabilità permette loro di dominare molti corsi d’acqua, spaziando dai grandi fiumi fino ai laghi artificiali o naturali. La carpa cuoio preferisce fondali molli come erba, fango o sabbia.

L’alimentazione in breve della carpa cuoio.

Specie onnivora che ricerca il cibo alla superficie e nella compagine dei sedimenti di fondo, più attivamente durante la notte. Nella dieta della carpa, contrariamente a quanto sostenuto da molti, l’importanza alimentare dei vegetali è secondaria.

I metodi di pesca e come pescare la carpa cuoio.

Sicuramente a fondo con la tecnica del carpfishing che è dedicata appunto alla carpa, ma anche all inglese si possono avere diverse catture.

Brevemente l’esca migliore per la carpa cuoio.

Mais, lupino, granaglie, pellet, boiles sicuramente sono le esche maggiormente usate negli ultimi periodi ma molto validi anche i bigattino e lombrichi.

Dove pescare la carpa cuoio in sintesi.

La carpa preferisce fondali molli come erba, fango o sabbia e proprio in questi luoghi che possiamo catturarla.

Brevemente periodo e mesi migliori per pescare la carpa cuoio.

certamente è in autunno quando il termoclino quasi si azzera e questo rende gli spot un posto ideale per le carpe, che si possono catturare a tutte le profondità. Infatti in estate e in inverno abbiamo uno spot con 2 temperature differenti, in autunno la temperatura dell’acqua si stabilizza grazie al rimescolamento ed è per questo che si puo allamare carpe a tutte le profondità. In autunno si pesca a carpfishing  a una profondità di 6-8 metri di giorno, mentre di notte anche in acqua bassa. Le carpe durante la notte in autunno si avvicinano sotto riva, attratte dai gamberi che si nascondono lì e di cui sono molto ghiotte.

Infine nome dialettale delle carpe cuoio.

Abruzzo Liguria e Marche: Carpa.

Campania: Carpia.

Emilia: Cherpa, Gobbo, Carpanel, Gubet, Reina.

Lazio: Carpa, Regina.

Lombardia: Carpen, Gob, Carpanin, Bulbur, Ciaplin, Carpaulin, Gubetta.

Piemonte: Carpna.

Puglia: Carpuna.

Toscana: Carpa reina.

Veneto: Raina bulber, Gobbo, Rainotto.

Precedente carpa a specchi Successivo carpa amur o carpa erbivora