Come mantenere vivo il bibi

Come mantenere vivo il bibi

Come mantenere vivo il bibi.

Come conservare e come mantenere vivo il bibi che rimane dopo una pescata fino alla prossima Come mantenere vivo il bibiuscita di pesca. Il Bibi è un’esca presente in buone quantità lungo le nostre spiagge. Vive tra la sabbia e il fango delle zone influenzate dalla marea e nei mari poco profondi.
Nei negozi di articoli di pesca possiamo trovare due diversi bibi. Il bibi veneziano caratterizzato da colore più verdastro e di dimensioni in linea generali che vanno dai 10 ai 20 cm e venduto singolarmente, invece il bibi di importazione molto più piccolo e di colorazione più rosea e chiara generalmente venduto in scatolette da 5-7 pezzi.

Come conservare e mantenere vivo il bibi che ci resta da una pescata.

Conservare il bibi anche per molto tempo è molto semplice. Bisogna però fare un pò di attenzione nel trattarlo e toccarlo con le mani. Per prima cosa bisogna portarlo a mare dopo l acquisto in una borsa termica per evitare sbalzi termici e bisogna toccarlo sempre con le mani bagnate da acqua di mare. Bisogna cercare di toccare solo quello che poi andiamo ad innescare. Quando lo acquistiamo lo troviamo spesso in una scatola con dei pezzi di spugna bagnata che non è l’habitat ideale. Possiamo creare l’habitat ideale e conservarlo per diverso tempo semplicemente in un contenitore di plastica alto 20-25 cm. Bisogna riempire il contenitore per circa 10 cm di sabbia di mare fine, poi bisogna aggiungere acqua per coprire la sabbia più qualche centimetro.

Non ci resta che mettere i bibi in acqua che dopo poco si infilano da soli sotto la sabbia. Bisogna mettere sotto il contenitore a un lato uno spessore fino ad inclinare il contenitore per avere una parte di sabbia fuori d’acqua e una parte immersa. Il tutto deve essere messo al fresco in una cantina o sottoscala. Se vogliamo conservarli per diverse settimane dobbiamo ossigenare l acqua. Possiamo utilizzare semplicemente un ossigenatore per acquario.