Lampuga o capone

Lampuga o capone, descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esche.

La lampuga o capone (Coryphaena hippurus), conosciuta anche col nome di corifena cavallina, è un pesce pelagico appartenente alla famiglia Coryphaenidae.

Descrizione della lampuga o capone.

Presenta un corpo lungo, compresso ai fianchi, con profilo frontale Lampuga o caponearrotondato e sporgente. Il corpo si riduce al peduncolo caudale. La pinna dorsale è lunga, alta all’inizio, diminuisce in altezza verso la fine. Le pettorali sono lunghe e appuntite, così come le ventrali. L’anale è poco sviluppata in altezza, ma copre 1/3 del ventre del pesce. La coda è fortemente forcuta.
La livrea è grigio azzurra, tendente al blu sul dorso e al giallo su fianchi e ventre. Il suo colore varia a seconda della luce: magnifico azzurro o porporino, con riflessi metallici di ogni sorta, o giallo-oro. La maturità sessuale è raggiunta entro il primo anno di vita.
Raggiunge una lunghezza massima di circa 2 metri ed un peso di circa 20 chilogrammi. Nei mari italiani il peso medio delle catture varia da 3-4 etti a 8 chilogrammi.

L’habitat della lampuga o capone.

La lampuga o capone è una specie pelagica  che vive in mare aperto e migratoria diffusa nelle acque tropicali e subtropicali di Atlantico, Pacifico e Indiano. È presente anche nel Mar Mediterraneo. Si avvicina alle coste in autunno a settembre e ottobre quando deposita le uova.

L’alimentazione della lampuga o capone.

La lampuga si ciba di piccoli pesci, specialmente di quelli che vivono poco al di sotto della superficie. La lampuga o capone è nota ai pescatori per la sua voracità e nel primo anno di età presenta un accrescimento molto rapido .

I metodi di pesca e come pescare in mare la lampuga o capone.

La lampuga o capone è oggetto di pesca commerciale e ambita preda di pesca sportiva, per le sua carne apprezzata e ben pagata.
La pesca da riva alla lampuga è svolta non solo per la bonta delle carni. Sicuramente  anche  per la forte reazione che oppone alla cattura, effettuando numerosi salti fuor d’acqua. È uno dei pesci da traina costiera per eccellenza. Per la loro pesca i pescatori usano piazzare al largo delle coste; gruppi di rami di palma o abeti legati tra loro in modo da creare una zona d’ombra; le lampughe si radunano sotto la zona d’ombra, dove poi vengono catturate con reti da circuizione o passando vicino con l’artificiale da traina.

l’esca e l’artificiale migliore per lampuga o capone.

Le esche artificiale migliori per la pesca alla lampuga o capone sono i popper,skipping lures,walking the dog(wtd). Il pesce vivo come aguglia e piccole leccie stelle rimangono le migliori esche naturari; per la cattura da riva delle lampughe con la tecnica della pesca col vivo e palloncino o vivo in teleferica.

Dove pescare lampughe e capone.

Gli spot migliori sono le spiagge con fondali sabbiosi e profonde.

Periodo e mesi migliori per la pesca alla lampuga o capone.

Si avvicina alle coste in autunno a settembre e ottobre quando deposita le uova.

Nome dialettale della lampuga o capone.

Sono stati segnalati casi di avvelenamento da ciguatera dopo essersi cibati delle carni di questa specie.

Precedente Pesce serra Successivo Traina costiera estiva