Periodo migliore per pescare le seppie

Periodo migliore per pescare le seppie

Molto più spesso nei negozi di pesca si sente la domanda periodo migliore per pescare le seppie. Sicuramente la pesca a questi cefalopodi da riva sta diventando sempre più popolare lungo le nostre coste. Gli artificiali totanare regalano belle soddisfazioni da riva e nei porti. Iniziamo dicendo due parole sulla pesca delle seppie:  abitudini, tecniche, attrezzatura oltre al periodo migliore.

Conosciamo la seppia

La seppia è un decapode della famiglia dei cefalopodi. Corpo ovale e schiacciato, dotato all’interno di Periodo migliore per pescare le seppieun telaio osseo (il famoso “osso di seppia”). I due tentacoli più lunghi sono anche più larghi all’estremità, con quattro file di ventose. Il colore del corpo varia dal grigio zebrato al verde fino al bruno, poiché la seppia ha capacità mimetiche. Vive su fondali sabbiosi o tra le alghe e gli scogli. La sua vescica è più sviluppata di quella degli altri cefalopodi.

 

Da sapere sulla pesca ad eging alle seppie.

Le seppie si possono pescare sia con esche naturali, sia con esche artificiali sia di giorno che di notte ma dalla riva si hanno maggiori catture durante la notte con esche artificiali fosforescenti.

L’attrezzatura da utilizzare per praticità la pesca a seppie sono le stesse che per lo spinning leggero. Canne morbide per evitare di spezzare i tentacoli e mulinelli da 2500 a 4000.  Gli artificiali variano molto in base alle marche ma sono da preferire i colori verdi arancioni e rossi. Il mulinello bobinato con TRECCIATO  del 0,08 0,12 ideale per eging. Al trecciato si unisce del monofilo dello 0,22/0,25. Tale spezzone finale deve avere una lunghezza tra 60 cm e 100 cm. Infine da evitare di collegare l’artificiale con una eventuale girella e moschettone che può modificare l’assetto in acqua dell’egi.  Molto meglio un semplice nodo  direttamente all’artificiale.

Il periodo e orario migliore per la pesca le seppie.

L’orario buono per poter insidiare da riva le seppie va da circa un ora prima del tramonto sino all’alba, poi in base allo spot e alle loro abitudini starà a noi capire quando trovarli di preciso. In quanto al periodo la differenza la fa il luogo in cui ci troviamo; nella maggior parte dei casi il periodo migliore va da fine estate (Settembre) a fine inverno (Marzo) bisogna ricordare che amano l acqua fredda.

 

 

Precedente Come pescare le orate a feeder Successivo Periodo migliore per pescare i calamari