Re di triglia

re di triglie

Re di triglia in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esche.

Re di triglia o pesce cardinale (Apogon imberbis),  è un pesce d’acqua salata della famiglia Apogonidae.

Descrizione in sintesi del re di triglia.

re di triglie 1Ricorda molto i pesci rossi che si possono comprare alle bancarelle. Il corpo è ovale, corto, con testa grossa, munita di orifizi nasali abbastanza evidenti.  La mandibola è lievemente prominente. Ha denti finissimi, tutti uguali e piccoli, situati sia in ambedue le mascelle sia sul vomere sia sul palato. L’occhio è grosso con iride argenteo bluastra. Ha due pinne dorsali, la prima triangolare con 6 raggi spinosi, la seconda veliforme, più alta, con una spina e 9 o 10 raggi molli. L’anale è molto simile alla seconda dorsale e possiede due raggi spinosi. La caudale è incavata con lobi arrotondati.La colorazione è rosso-scarlatta per tutto il corpo, con piccoli punti neri variamente distribuiti. Sul peduncolo caudale vi è quasi sempre una macchia nerastra che a volte si presenta in tre macchie separate.

Brevemente distribuzione e habitat del re di triglia.

Questa specie è diffusa nel Mar Mediterraneo e nell’Atlantico orientale, dal Portogallo fino al Golfo di Guinea, sulle coste delle Azzorre, di Madera e delle Canarie. Da -10 fino a -250 metri di profondità, in gruppi anche di molti individui che si raccolgono in grotte e zone buie.

Alimentazione in breve del re di triglia.

Si nutre di crostacei e altri pesci.

I metodi di pesca e come pescare in mare  il re di triglia.

E’ pescato occasionalmente con le reti a strascico e più raramente abbocca all’amo dei pescatori sportivi. Nonostante la specie è commestibile, non ha mercato per le catture occasionali.

Brevemente l’esca e l’artificiale migliore per il re di triglia.

Si possono avere delle catture occasionali con anellidi come arenicola, coreano e tremolina.

Dove pescare in sintesi sugarello o sauro.

Normalmente sono in gruppetti di 4 o 5, (nello stretto di Messina si possono osservare assembramenti anche di parecchie decine di individui) e nuotano lentamente nelle zone più oscure.

 Brevemente periodo e mesi migliori per la pesca al sugarello o sauro.

Sicuramente il periodo estivo è il periodo migliore per pescare Il pesce cardinale. In inverno si spinge a profondità oltre i 200 metri, mentre in estate si incontra in prossimità della costa, anche a bassa profondità.

Nome dialettale in breve del sugarello o sauro.

  • In Liguria e conosciuto come Castagneua russa,Saraceno.
  • Nel Lazio e conosciuto come  Monaca russa.
  • In Campania e conosciuto come Guarracino russo e’ scoglio.
  • Nelle Puglie e conosciuto come Monacella rossa.
  • In Sicilia e conosciuto come Rufiano, Munacedda russaCipudda russa, Monacedda russaRe di Trigghia.