Traina al pesce serra

Traina al pesce serra

Conosciamo il pesce serra prima di parlare della traina al pesce serra. Il pesce serra (Pomatomus saltatrix) è un pesce di mare. È l’unico appartenente alla famiglia PomatomidaeApparentemente simile ai carangidi del Genere Seriola, se ne distingue per la bocca armata di forti mascelle dotate di denti. Mentre  denti del serra sono triangolari molto robusti e taglienti come rasoi. Le squame sono molto piccole. Il colore è grigio argenteo sul dorso mentre è più chiaro su fianchi e ventre. Le pinne del serra sono di colore olivaceo ed è presente una macchia Traina al pesce serranera alla base della pinna pettorale.Raggiunge più di un metro di lunghezza per oltre 10 kg di peso.

Per la traina al pesce serra si utilizza prevalentemente esche naturali, sia vive che morte. Il terminale costruito necessariamente col cavetto all’acciaio, per eludere la formidabile dentatura di questo pesce. Le esche vive ideali per il pesce serra sono le aguglie, i cefali, gli sgombri, i sugheri e le occhiate. Possibili catture anche con altri pesci come mormore, pagelli basti sia vivo e guizzante. L’esca viva va sempre innescata con due ami di misura generosa tranne per le aguglie sono da preferire tre ami più piccoli.

Traina al pesce serra con esche naturali

L’innesco del vivo per la traina del pesce serra è con il primo amo dal basso verso l’alto sotto la bocca e il secondo dall’alto verso il basso sotto pelle all’altezza della pinna caudale. Si traina a velocità bassissime che consentano all’esca il nuoto naturale. Questo pesce è molto attivo anche di notte e quindi si può pescare a traina anche di notte.

L’innesco del pesce morto per la traina al pesce serre è molto simile a quello del vivo. La differenza principale sta nel fatto che non dobbiamo fare attenzione ad uccidere il pesce. Quindi possiamo affondare gli ami nelle carni in modo da nasconderli e cercare di dare una assetto alla nostra esca.

traina al pesce serra con artificiali

Minnow sia galleggianti che affondanti e i cucchiaini sia martellati che ondulanti per la traina al pesce serra sono proficue a volte più delle esche naturali morte. I colori da scegliere sono quelli che si avvicinano ai colori della sarda. La velocità della barca deve essere da 4 a 6 nodi in base all artificiale scelto.

Precedente Traina costiera estiva Successivo pescare in trattenuta montature terminali e finali