Vairone

Vairone in sintesi descrizione, habitat, alimentazione, pesca ed esca.

Il vairone, è un pesce d’acqua dolce appartenente alla famiglia dei Cyprinidae.

Descrizione in sintesi del vairone.

VaironeIn sintesi per descrivere questo pesce basta dire che ha una colorazione bruna sul dorso, grigia sui fianchi e bianca sul ventre, lateralmente corre una fascia scura inferiormente alla quale è presente un’altra sottile fascia arancione, una macchia arancione è presente alla base delle pinne pettorali. Inoltre ha un corpo affusolata e schiacciato sui fianchi contesta piccola e bocca ugualmente piccola. Le dimensioni in media sono 15-20 cm, ma eccezionalmente arrivano fino a 25 cm.

Brevemente l’habitat della trota marmorata.

Il suo ambiente ideale sono i fiumi con acque trasparenti ben ossigenate e pulite con anche fondali sabbiosi o ghiaiosi. Nel complesso lo troviamo nelle regioni settentrionali prevalentemente in Piemonte e Liguri.

L’alimentazione in breve del vairone.

Molto vorace e carnivoro, si nutre in particolare di larve, insetti, crostacei e molluschi.

I metodi di pesca e come pescare il vairone.

Sicuramente la tecnica della passata è quella che regala maggiori catture sia con canna fissa che bolognese. In ogni caso anche con la tecnica della pesca a mosca si hanno delle catture. Sicuramente viene pescato anche per utilizzarlo come esca viva per i predatori d acqua dolce. Nonostante le sue carni sono ricche di spine viene ricercato perché sono ottime fritte.

Brevemente l’esca migliore per il vairone .

Come già detto si nutre in particolare di larve, insetti, crostacei e molluschi, quindi l esca migliore risultano bigattini e piccoli lombrichi.

Dove pescare in sintesi il vairone.

Questo pesce, è presente nelle correnti e nei ritorni d’acqua dei tratti medio-alti dei fiumi e quindi consigliabile proprio in queste zone gettare le nostre lenze per catturare questo Cyprinidae.

Brevemente periodo e mesi migliori per la pesca del vairone .

Per le loro prede e per la temperatura dell acqua sicuramente il periodo migliore è primavera e autunno inoltrato.

 

Precedente Alborella Successivo cavedano